Bacche di goji, benefici proprietà e controindicazioni

Monica

In questo articolo parleremo delle bacche di goji. Le proprietà, i benefici e le controindicazioni delle bacche di goji, a chi fanno bene e a chi no.

Le bacche di Goji sono da molto tempo un elemento essenziale della medicina tradizionale orientale, in particolare quella cinese. L’interesse occidentale per questo frutto è molto recente, più in specifico a partire dal XXI secolo, interesse dovuto soprattutto per i suoi ricchi benefici per la salute, quindi non solo per il pregio gastronomico.

Cosa sono le bacche di Goji

Queste bacche sono i frutti di una pianta spontanea, appartenente alla famiglia delle Solanaceae, più specificamente al genere Lycium e alla specie barbarum. La pianta è di origine tibetana.

Quando immaginiamo di che dimensione siano queste bacche, giustamente pensiamo siano di piccole dimensioni, all’incirca 1 o 2 centimetri, sono rosse e di forma ovale. Hanno un sapore molto dolce che ricorda il gusto dei mirtilli. Fin dall’antichità le bacche sono parte integrante dell’alimentazione orientale, più che altro per la ricchezza nutrizionale e non solo per il sapore molto gradevole.

All’interno delle bacche, ossia nella polpa, si trovano i semi. La quantità di semi, a differenza dei frutti delle piante della stessa famiglia ( peperoni, melanzane e pomodori ), sono di quantità davvero scarsa e soprattutto non è facile trovarne in commercio. Si può tentare di farli germogliare, ma non si ha la sicurezza che questo avvenga.

Il mercato dei semi di Goji è affidato a quello americano, in Italia non potremmo trovare nessuno che li venda. Nel nostro paese però potremmo facilmente trovare le piante, che potranno essere facilmente coltivate in vaso nelle nostre case.

Proprietà e benefici delle bacche di Goji

Sulle bacche di Goji molti studiosi hanno fatto molte ricerche, per riuscire a capire quante  e quali proprietà benefiche sono contenute in questi piccolissimi frutti.

Con lo studio in vitro si è capito che le bacche di Goji hanno la capacità di aumentare la percezione di benessere sia fisico che mentale. Scientificamente non sono state dimostrate molti dei benefici che in realtà la Cina, ma anche tutto il resto del mondo vi attribuiscono. Più in dettaglio, le bacche sono ottime per equilibrare il ph del sangue e per equilibrare la funzione intestinale. Inoltre ha proprietà antiossidanti ed è antiallergiche.

Le bacche sono ottime anche per ottimizzare la concentrazione, per tutelare la motilità visiva e per rinforzare le nostre difese immunitarie, dovuto soprattutto per l’alto contenuto di polisaccaridi. Tutti questi benefici sono imputabili soprattutto al loro ricco contenuto nutrizionale. Le bacche di Goji sono ideali per una dieta ipocalorica, perché contiene pochissime calorie, ma un alto tasso di sali minerali, potassio, calcio, ferro e selenio.

Ovviamente contiene anche Vitamina A, C e B2. Questo tipo di bacche possono essere assunte come anti colesterolemizzante, per diminuire il livello di colesterolo nel sangue.

Proprietà nutrizionali

Per quanto riguarda i valori nutrizionali possiamo dire che 100 gr di bacche di Goji essiccate forniscono soltanto 321 calorie, 4,8 gr di fibre, 14,07 gr di proteine.

Le bacche di Goji contengono il 17 % di ferro e il 4% di calcio della quantità di assunzione giornaliera consigliata. Mentre contengono soltanto 1,79 gr di grassi totali di cui 0 di colesterolo, di carboidrati 69,21 gr e solo 192mg di sodio. Inoltre contengono 50 mg di potassio e 54,62 g di zucchero.

A cosa servono le bacche di Goji

Se abbiamo bisogno di tenere sotto controllo il nostro peso corporeo le bacche di Goji sono ideali, per inibire l’appetito.

Il consiglio per ottenere questo effetto ma anche quello di ridurre la ritenzione idrica e stimolare il metabolismo, sarà quello di ricordarsi di assumerle regolarmente.

In commercio troviamo le bacche essiccate, ma si consiglia di reidratale in un bicchiere di acqua e consumarne circa 15/45 gr di bacche essiccate al giorno magari in aggiunta a un bicchiere abbondante di succo di bacche di goji, oppure aggiungendoli negli yogurt, frullati o estratti. Se riuscite a trovarne fresche, la dose consigliata è quella di 30 gr al giorno.

Già dopo un mese di regolare assunzione inizierete a notare dei piccoli benefici. Non parliamo di veri e propri miracoli, ma noteremo che la nostra pelle sarà più elastica e con un effetto più giovane, che avremo sicuramente molta meno fame durante il giorno e il nostro sistema immunitario sarà diventato più forte.

A chi fanno bene

Le bacche di Goji, nonostante abbiano molte proprietà, è importante tenere conto che non tutti possono assumerle regolarmente e con tranquillità. Fanno benissimo ai soggetti che non hanno particolari malattie. Fanno bene anche ai bambini, visto che necessitano una massiccia quantità di ferro e calcio necessari per la crescita delle loro ossa. Fanno sicuramente bene a chi ha necessità di integrare potassio e vitamine nella propria alimentazione e a chi è in lieve soprappeso e cerca di diminuire la propria fame. Apportano effetti positivi anche a chi vuole migliorare le funzioni sessuali e la fertilità.

A chi fanno male

Si consiglia di non assumere le bacche di Goji a chi è costretto a prendere giornalmente delle medicine specifiche, perché potrebbero interferire o addirittura inibire o annullare il proprio assorbimento. Parliamo soprattutto di farmaci che regolano la pressione sanguigna, la glicemia.

Fanno male ovviamente agli allergici alle melanzane, peperoni, pomodori e patate. A chi cerca di evitare la trombosi e cerca di mantenere il sangue fluido non deve assumere assolutamente le bacche di Goji.

Effetto collaterali delle bacche di Goji

Nonostante facciano molto bene, le bacche se assunte in maggiore quantità del dovuto potrebbe causare nausea e vomito. Inoltre potrebbe comportare emorragie, una eccessiva diminuzione della glicemia, causando svenimenti e malori.

A chi già soffre di pressione bassa non è consigliato assumere le bacche di Goji, proprio perché abbassa molto la pressione arteriosa.

Controindicazioni

Come già anticipato in qualche paragrafo precedente, le bacche di Goji non devono essere assunte soprattutto da chi soffre di malattie arteriose. Chi soffre di ipertensione non è consigliato assumere le bacche di Goji.

E inoltre è fortemente sconsigliato a chi già assume medicine per mantenere il sangue fluido, perché le bacche potrebbero causare emorragia. È sconsigliato l’assunzione di bacche di Gaji alle donne in gravidanza e durante l’allattamento perché contiene una buona quantità di selenio che potrebbe danneggiare il feto.

Come e quando si usano le bacche di Goji

Le bacche di Goji sono ottime da consumare durante la propria colazione, insieme ad esempio ad altra frutta secca e fresca o in aggiunta allo yogurt o al latte. Si possono preparare numerose ricette con questo ingrediente, ad esempio dei dolci prelibati, dei frullati, gelati, estratti accompagnati da altri ingredienti.

Sarebbe lo stesso molto ottimo consumare le bacche da sole come ottimo spuntino. Ovviamente si possono assumere le bacche in ogni momento della giornata, l’importante sarà non eccedere nelle quantità. Potrete trovare le bacche di Goji in erboristeria, ma anche in comodi pacchettini al supermercato o su internet.

Troverete in commercio anche molte barrette proteiche che contengono le bacche, queste le potrete consumare come merenda o spuntino durante la giornata, per alleviare il senso di fame. Il prezzo è abbastanza variabile. Troverete anche dei pacchi risparmio molto grossi, ad esempio da 5 kg di bacche di Goji a 160 €, che potrete consumare con tutta calma perché essiccati con cura, quindi non andranno a male in breve tempo. Invece nei supermercati ed erboristerie troverete delle bustine dai 100 gr a 1 kg che oscilleranno tra i 7 ai 50 €.

ATTENZIONE: Le nozioni riportate in questo sito sono da intendersi a solo scopo informativo: non possono dunque costituire, in nessun caso, la formulazione di una diagnosi medica né possono essere considerate come prescrizione di una terapia o trattamento. Tali informazioni, pertanto, non devono sostituire il consulto diretto con un medico o eventuali visite specialistiche.

LASCIA UN COMMENTO »